Vi raccomando, mie care Figlie, di fare la novena del Santo Bambino con fervore e amore; cercate di purificare il vostro cuore, anzitutto per renderlo atto e disposto a ricevere dal Santo Bambino tutte le grazie che Egli desidera imprimere nei vostri cuori.

S. Maddalena di Canossa
Attività

Nostri ministeri di carità

Fedeli al progetto apostolico della nostra Fondatrice,  inserite nella Chiesa locale ci dedicchiamo ai fratelli più bisognosi di educazione, evangelizzazione e l’assistenza nella malattia, attraverso “i ministeri di carità”, che la santa Magdalena di Canossa chiamò “perenni e continui”.

L'impegno che deriva dal carisma di "prevenire i peccati" incessantemente si presenta davanti a noi come un' ingente esame dell'amore verso Dio e verso l'uomo. Con cura educativa abbracciamo i bambini, adolescenti e giovani, facendo attenzione alla crescita armoniosa della loro personalità e alla loro "formazione del cuore", affinché attraverso le relazioni positive maturino nella conoscenza di se stessi e del mondo che li circonda; perché scoprino l'amore personale di Dio verso la loro persona e perché scoprino la loro propria missione nella società. Il metodo educativo è preventivo, attraverso un approccio dialogante, graduale e individuale agli educandi.  (Linee portanti della Carita' Ministerialne 48).Lo stile educativo canossiano esprime in un modo armonioso l'amabilità e fermezza, familiarità e rispetto, gratuità e gioia (RD 114-116) Con amore e rispetto accompagnamo loro nello scoprire e realizzare il piano di Dio nella loro vita, perché possano dare il loro contributo nella costruzione della comunità civile ed ecclesiale, e così nella trasformazione cristiane del mondo. Adoperiamo anche tra le persone adulte, particolarmente tra le donne, contribuendo così alla loro coscientizzazione  della loro dignità umana e cristiana, per cui siano capaci ad intraprendere gli impegni della vita famialire e sociale.  
Più
Consapevoli che "non esiste l'atto più perfetto dell'amore verso il prossimo che l'operare affinché egli ami Dio", ci impegnamo instancabilmente e con generosità nelle varie forme dell'evangelizzazione. Il carisma ci rende capaci per essere nella Chiesa coloro che " con un fervore  singolare  intraprendono sante attività" perché Cristo diventi il cuore del mondo. (La specificità del carisma richiede una particolare attenzione nell'accompagnamento degli altri per fare approfondire la fede e fare maturare la fede... l'obbiettivo è lo suscitare nei destinatari la risposta sia nella sfera degli "affetti come delle azioni", affinché i fedeli conducano una vita tutta conforme all'amore cristiano (Linee portanti 57, 60) Chiamate a condividere la Parola di Dio, collaboriamo con i pastori della Chiesa e con i laici nei ministeri apostolici, affinché ogni fratello e sorella incontrino Cristo, Uomo Nuovo che è l'unica risposta ad ogni domanda del cuore umano. (Assieme a tutta la Chiesa ci impegnamo nella ricerca delle nuove vie perché il messaggio della Buona Novella giungi agli uomini e donne dei nostri tempi (Dir.58)
Più
Continuiamo nei nostri tempi la premurosa cura di Maddalena delle persone ammalete che sono l'immagine viva della persona di Cristo.  Le visitiamo, ci prendiamo cura di essi e li confortiamo, aiutandogli a capire il valore redentivo della sofferenza, alla luce della morte e rissurezione di Gesù Cristo. Con delicatezza e prudenza ci adoperiamo di suscitare in essi la fiducia in Dio e il senso della vita in coloro che sono sulla via della guarigione; invece coloro che si avvicinano alla fine delle loro vita terrena, li prepariamo all'incontro definitivo con il Padre.
Più
Completando il raggio dei nostri ministeri di carità organizziamo i ritiri, assicurando l’occasione di un singolare incontro con Dio durante gli esercizi spirituali. Tali esercizi favoriscono l’esperienza di Dio e del suo amore personale ad ogni partecipante e in questo modo conducono a un’autentica relazione con Lui e una fede profonda, che viene testimoniata in diverse situazioni di vita. Il nuovo comandamento di Gesù Cristo e il carisma ricevuto dallo Spirito Santo, ci fanno diventare sensibili e solidali con le persone che soffrono in diversi modi e su diversi livelli (morale, spirituale, fisico e psichico) e con coloro che vivono nell’indigenza. Con premura e con un “cuore grande” rispondiamo alle necessità dei fratelli e delle sorelle. Oltre ciò,  andiamo incontro alle richieste anche di queste attività, che non entrano strettamente nell’ambito dei nostri ministeri di carità. Tutto questo si realizza nel dialogo con i nostri Superiori e in collaborazione con le autorità ecclesiali e civili del territorio.  
Più
Disponibili e aperte al mondo La vocazione "ad gentes" è parte integrante  della nostra famiglia canossiana. Imitiamo lo zelo apostolico di santa Maddalena e la sua disponibilità a "diventare perfino una polvere" per essere nel mondo un segno profetico della misericordia del Padre. Come lei anche noi siamo "disposte di andare in ogni luogo affinché Dio sia conosciuto e amato". Le sorelle chiamate e mandate per condividere l'annunzio di salvezza con coloro che ancora non conoscono Dio, oppure con le giovani Chiese, vivranno in una disponibilità radicale di fronte alle esigenre del Vangelo, nel distacco dalla terra d'origine e in un totale abbandono della loro vita in Dio. Questa missione le rende capaci di scoprire e valorizzare "i germi del Verbo" presente nel popolo in cui si sono inserite. I legami di carità che uniscono tutte le Sorelle dell'Istituto che operano in diverse parti del mondo, sono di un grande sostegno nelle difficoltà che derivano dall'inculturazione e dall'annunzio del Vangelo. Questi legami nutriscono in ogni Sorelle lo zelo apostolico per il Regno di Dio.
Più
Laici nella famiglia canossiana Sin dall’inizio dell’Istituto, la Fondatrice aveva creato una rete di persone disponibili ad affiancarla nell’opera che gradatamente stava crescendo a favore delle persone povere e bisognose. Il potenziale e gli attitudini dei laici che scoprono dentro di sé il germe del carisma canossiano, sono un  vero dono di Dio al nostro Istituto e all’intera Chiesa. Formazione dei Laici Canossiani Il cammino di crescita dei laici nel carisma viene sostenuto da una speciale formazione e da un contatto dinamico e familiare con le Figlie e con i Figli della Carità. Essi, parteciperanno agli incontri, approfondiscono il charisma e la pratica dell’apostolato, in particolare nel campo di educazione, catechesi e l’attività caritativa. Nello stesso tempo condividono le loro testimonianze del servizio nei luoghi in cui vivono e lavorano. Quelli tra loro che desideranno entrare nella Famiglia Canossiana con la professione delle Promesse, si impegneranno particolarmente affinché il loro atteggiamento e servizio nella Chiesa rispecchino i valori evangelici e carismatici, conformi al modo di agire specificato nello Statuto dell’Associazione dei Laici Canosssiani, documento approvato dalla Chiesa. In comunione coi laici che appartengono alla famiglia canossiana La realtà mondiale dei laici, simpatizzanti, amici e collaboratori canossiani continua a essere per noi, come al tempo di Maddalena, di vitale importanza per lo sviluppo della nostra apostolica realtà canossiana. Insieme possiamo rivitalizzare una crescita della nostra coscienza personale e collettiva, mediante iniziative e incontri ispirati da testimonianze credibili e da condivisione operosa. Insieme possiamo meglio, perché insieme possiamo raggiungere più persone bisognose di un sostegno, di una presenza, di educazione, di sentirsi amati da Dio e dai prossimi.    
Più